La più vicina alla Sicilia, morfologicamente la più interessante. Il suo inconfondibile odore forte di zolfo, le sue rocce giallastre, la sua vegetazione rigogliosa il suo mare cristallino: oggi vi portiamo a Vulcano.

COME RAGGIUNGERE VULCANO

Volate su Catania, prenotate il trasferimento sulle isole presso “Eolian Shuttle” che si occuperà sia del viaggio in auto a Milazzo (potrete scegliere tra trasferimenti collettivi o privati) che dura circa un’ora e 40 sia del biglietto dell’aliscafo che da Milazzo in 50 minuti circa vi porterà sull’isola.

L’ISOLA DI VULCANO

Vulcano non è un isola immediata. Non vi nascondo che la prima volta che venni anni fa non ne rimasi particolarmente affascinato, ma solamente  perché la vissi in maniera totalmente sbagliata.

Arrivai con una di quelle barche turistiche che hanno la pretesa di farvi vedere praticamente quasi tutte le isole in una giornata, lasciandovi su ognuna di esse un paio d’ore. EVITATE QUESTA TIPOLOGIA DI TOUR. Penso che per vivere al meglio ognuna delle sette sorelle sarebbe opportuno passarci almeno una notte: se non vi è possibile dedicate ad ognuna almeno una giornata intera (muoversi tra un’isola e l’altra è molto semplice con i numerosi Aliscafi presenti ogni giorno: consiglio, in alta stagione prenotateli sempre il giorno precedente alla vostra escursione per assicurarvi il posto). Vi lasciamo qui il link diretto per gli orari aliscafi di Liberty Line, ricordate di controllare orari estivi ed orari invernali e controllate bene perchè alcune corse si effettuano solo in determinati giorni della settimana.

NOLEGGIATE UN’AUTO E GODETEVI L’ISOLA

Il consiglio che vi do per vivere al meglio quest’isola sia che pernottiate qui sia che ci passiate una sola giornata è quello di noleggiare un’auto e girarvela seguendo un piccolo itinerario che vado tra poco a raccontarvi.

A tal proposito noi ci troviamo benissimo da “Vulcano Nolo Sprint da Luigi”: Luigi e Nidra sono due persone eccezionali, vi daranno moltissime indicazioni e soprattutto hanno delle splendide Citrôen Mehari che per noi sono uno dei mezzi migliori per vivere l’isola.

Il mattino passate qualche minuto nel caratteristico paesino (preparatevi se visitate Vulcano in estate ad una bolgia pazzesca di turisti: io infatti non amo particolarmente il paese). Poi noleggiate la macchina e iniziate la salita verso “Vulcano Piano”: i paesaggi che incontrerete sono a dire poco meravigliosi: sulla vostra sinistra il cratere meraviglioso circondato da una vegetazione rigogliosa che cambia a seconda delle stagioni. Lo abbiamo visto anche a Maggio in completa fioritura e vi assicuro che è di una bellezza imbarazzante. Vulcano è colma di ginetsre, che nel loro periodo di fioritura regalano macchie di giallo strepitose.

Seguite le indicazioni per “Capo Grillo” e tra pascoli erbosi popolati da mucche e tante caprette arrivate in uno dei punti panoramici più belli dell’isola. Vulcano è rinomata per la sua favolosa ricotta di capra al forno: dovete assolutamente provarla.

CAPO GRILLO

Vulcano ha la caratteristica di potervi offrire una visuale magnifica su tutte le isole: arrivati a Capo Grillo ammiratele tutte davanti a voi in un panorama mozzafiato. A destra Panarea e Stromboli, davanti a voi Vulcanello (l’appendice a nord dell’isola di Vulcano) e dietro Lipari, a sinistra le due materne vette di Salina e poi ancora Filicudi e Alicudi in lontananza. Da qui proseguite il vostro tour seguendo le indicazioni per Vulcano Gelso e scendendo i tornanti raggiungete il piccolo e affascinante molo.

Capo Grillo

VULCANO GELSO

Forse uno dei luoghi che più amiamo di quest’isola: un piccolo molo con affianco una spiaggia nera (ovviamente vulcanica) dove potrete passare un po’ di tempo a respirare l’atmosfera leggera e poetica che accomuna un po’ tutte le Eolie. Fate un bel bagno nelle acque scure ma trasparenti della baia e raggiungete poi a piedi il vecchio faro, nascosto tra una fitto groviglio di fichi canneti e coloratissime bougainvillae: splendido.

PRANZO A VULCANO

Vi diamo due consigli .

Rimanete a Gelso e gustate qualche piatto locale nella caratteristica “Trattoria da Pina” con vista sulla piccola Baia. Vi sembrerà di pranzare in casa con i proprietari in un’atmosfera semplice e conviviale. Cucina Eoliana ottima.

Oppure rimettetevi in auto tornando verso Vulcano Piano e raggiungete “Il diavolo dei Polli”: assolutamente uno dei nostri punti di riferimento sulle isole. Nancy vi accoglierà nel suo ristorante semplice ma caldo e accogliente come lei e vi delizierà tra antipasti di pesce e verdure deliziosi e pasta condita in maniera divina (la sua “Vulcanara” crea dipendenza: occhio che è tosta!!).

DOPO PRANZO

Un’altra zona molto caratteristica che vi consigliamo di visitare magari nell’ora del tramonto è la “Valle dei Mostri”, a Vulcanello.

Qui le colate laviche delle ultime eruzioni hanno plasmato figure affascinanti e a tratti anche un po’ inquietanti tra le quali riconoscerete un gorilla, un’orso che pare intento ad attaccare e tanti altri “mostri” tutti appunto costituiti da materiale lavico solidificato .

Questo accade perché l’attività eruttiva di Vulcano è di tipo esplosivo: grossi ammassi di materiale lavico venivano infatti lanciati a distanza durante le eruzioni e andavano poi a formare solidificandosi forme differenti come quelle sopra descritte (l’ultima eruzione di Vulcano risale al 1888).

IL CRATERE DI VULCANO

In una parola SPETTACOLARE. Vi obblighiamo assolutamente a non perdervi la vista del cratere (attivo) perché il paesaggio che troverete lassù è incredibile.

Salite se potete o all’alba o al tramonto: sempre da Luigi Sport potrete affittare attrezzatura (scarponcini, calze ecc) nel caso ne siate sprovvisti. La scalata al cratere non è troppo impegnativa, ma evitate di salire comunque nelle ore più calde perché il percorso è interamente esposto al sole .

Per raggiungere il cratere principale occorrono circa quarantacinque minuti (anche meno se siete camminatori). Da qui potrete godere di paesaggi lunari, il cratere principale con le caratteristiche fumarole è veramente incredibile: l’odore dei gas è  forte e può risultare fastidioso ma credetemi ne vale la pena. Dall’altra parte avrete una vista UNICA  su tutta Vulcano e sulle altre isole. Potrete poi decidere se continuare il trekking circumnavigando tutto il cratere oppure scendere di nuovo.

L’inizio del trekking si trova circa 300 metri fuori dal paese.

Per una serata unica ed esclusiva non possiamo che consigliarvi lo splendido “Therasia Resort” dove potrete passare qualche momento indimenticabile: ma dedicheremo un intero articolo a questo luogo meraviglioso. Per ora vi diciamo solo che questa location è assolutamente imperdibile quindi prenotate il vostro aperitivo o la vostra cena (volendo anche stellata) e state sintonizzati perché Voiago vi racconterà presto molto di più in merito a questa meravigliosa location.

Ma ora godetevi Vulcano e la magia delle Eolie.

VOIAGO

Menu